Mapuche
| home | archivio | benetton | documentazione | contatto |
12 luglio 2010
Cile - Sciopero della fame dei prigionieri politici Mapuche.

Comunicato dei prigionieri politici mapuche rinchiusi nel carcere di Concepción. Da segnalare che allo sciopero hanno già aderito i prigionieri reclusi nel carcere di Temuco, si prevedono ulteriori adesioni. Intanto sono già in corso presidi e manifestazioni di solidarietà.
------------------------------------------------

12 luglio 2010
COMUNICATO PUBBLICO

Noi prigionieri politici mapuche, attualmente reclusi nel Penal el Manzano di Concepción, informiamo il Popolo Nazione Mapuche e l'opinione pubblica Nazionale ed Internazionale quanto segue:

Che a partire da oggi, lunedì 12 luglio 2010, diamo inizio ad uno SCIOPERO DELLA FAME fino alle ultime conseguenze.

Le ragioni di questa drastica ed estrema determinazione obbediscono ad una serie di situazioni che stiamo denunciando di fronte agli ingiusti processi politici-giudiziari dei quali siamo oggetto e che contravvengono a tutti i diritti che ci appartengono come MAPUCHES e come prigionieri politici.

Solo a mo' di sintesi abbiamo denunciato di esser oggetto di Montature Mediatiche condotte dal Ministerio Publico che attraverso dei procuratori anti-mapuche e gruppi corrotti di poliziotti hanno la pretesa di imporre. E' così che lo Stato del Cile, a difesa del padronato impegnato nel conflitto con il nostro Popolo e con l'ansia di perseguitare ed annientare il Movimento Mapuche, ha criminalizzato la giusta lotta delle comunità, arrestando e accanendosi contro di noi, imponendo severe leggi dittatoriali e fasciste contro onesti lottatori sociali.

Inoltre, denunciamo che esiste una forte e grottesca campagna anti-Mapuche orchestrata dalla destra economica e politica di questo Paese, che utilizza i suoi mezzi di comunicazione, i procuratori ed i politici affini con l'obiettivo di cercare delle condanne anticipate nell'opinione pubblica.

Pertanto, dichiariamo che sospenderemo lo sciopero solo se verranno esaudite le giuste richieste che sono:

1.- La Non applicazione della ley antiterrorista in cause Mapuche; Che significa la Fine della ley antiterrorista della legislazione Pinochetista.

2.- No al processo davanti alla Giustizia Militare in cause Mapuche;

Che significa la Fine della Giustizia Militare in Cile.

3.-Libertà per tutti i Prigionieri Politici Mapuche detenuti nelle diverse carceri dello Stato del Cile.

Che significa:

- Esigere il diritto ad un processo dovuto o processo giusto.

- Fine alle Montature politico-giudiziarie. Che implicano la fine dei processi esterni e viziati, la non utilizzazione dei testimoni a volto coperto e la fine delle pratiche che violano i diritti umani di base come l'estorsione, le minacce, le torture sia fisiche che psicologiche e le degradanti condizioni nei centri di reclusione.

4.- Demilitarizzazione delle zone Mapuche in cui le comunità rivendicano diritti politici e territoriali.

Infine, rivolgiamo un appello al Nostro Popolo a Mobilitarsi, a protestare ed a lottare per quella che consideriamo una Causa giusta. Ed alle altre organizzazioni sociali e politiche a stare all'erta.

Per Territorio e Autonomia per il Popolo Nazione Mapuche.

“Weuwain”

Presos Políticos Mapuche – Concepción.

Comunicato dei prigionieri politici mapuche rinchiusi nel carcere di Concepción. Da segnalare che allo sciopero hanno già aderito i prigionieri reclusi nel carcere di Temuco, si prevedono ulteriori adesioni. Intanto sono già in corso presidi e manifestazioni di solidarietà.

"Se ne autorizza la riproduzione citando la fonte."