Mapuche
| home | archivio | benetton | documentazione | contatto |

14 agosto 2009
Cile, proteste di massa per l'uccisione di un mapuche da parte della polizia.
Il presidente cileno ha inviato una delegazione nella zona per valutare la situazione.

Morte di Jaime Collio

Continuano le proteste per la morte ieri di un indigeno mapuche ucciso da un colpo di pistola dalla polizia nel sud del Paese.

Nella città di Concepciòn, un corteo di studenti universitari mapuche è stato bloccato dalle forze dell'ordine e 15 persone sono state arrestate. Inoltre, è stata occupata l'Università cattolica a Temuco e la cattedrale nella città di Valdivia. L'omicidio è avvenuto nella regione dell'Araucania.

La morte del indigeno si è verificata, secondo alcune fonti, in seguito al tentativo di sfollare un'area che i mapuche rivendicano come loro territorio ancestrale.

Secondo queste fonti, le forze dell'ordine avrebbero risposto a un agguato di un gruppo di mapuche. L'autopsia effettuata dal servizio medico legale ha stabilito che i colpi che hanno ucciso i mapuche Jaime Mendoza Collio negli scontri con la polizia sono penetrati nella schiena del giovane.

Il presidente cileno, Michelle Bachelet, ha inviato una delegazione ministeriale in Araucania per una valutazione delle politiche governative a favore degli indigeni.

http://it.peacereporter.net/

"Se ne autorizza la riproduzione citando la fonte."