Mapuche
| home | archivio | benetton | documentazione | contatto |

5 ottobre 2007 - Bolzano
L'Università di Siena concede la Laurea ad honorem alla presidentessa cilena Michelle Bachelet.
-Scarso impegno per i diritti umani: prigionieri politici mapuche in Cile

È con stupore che l'Associazione per i popoli minacciati (APM) prende nota che l'Università di Siena, il 17 Ottobre prossimo conferirà una laurea ad honorem alle presidentessa cilena Michelle Bachelet. Anche il Ministro dell'Università e della Ricerca ha già dato la sua approvazione ufficiale. Michelle Bachelet, secondo l'Università di Siena, sarà insignita della laurea honoris causa in Medicina e Chirurgia, tra l'altro, per il suo impegno politico in difesa della democrazia e dei diritti umani.

L'APM rende noto che la Bachelet, dall'inizio della sua presidenza nel 2006 ad oggi, non ha mantenuto molte delle promesse elettorali fatte.
Prima che fosse eletta come prima donna presidentessa del Cile, la Bachelet ha impostato la sua campagna elettorale sul fatto di essere stata lei stessa vittima della dittatura Pinochet e che, proprio per questo motivo, si sarebbe impegnata, una volta eletta, per la tutela dei diritti umani.

Gli indiani Mapuche, che rappresentano la popolazione indigena cilena più numerosa, continuano a combattere contro la repressione da parte dello stato. Una così detta legge anti-terrorismo, relitto dell'era Pinochet, è ancora oggi utilizzata dallo stato per perseguire gli attivisti per i diritti indigeni: gli attivisti che con i mezzi della
disubbidienza civile combattono per i loro diritti territoriali, con questa legge diventano terroristi e vengono così condannati a pene di reclusione spropositate.

Già più volte l'APM ha reso nota la situazione in cui versano alcuni prigionieri politici, che da ormai 10 anni sono rinchiusi in carceri cileni per avere partecipato ad occupazioni di terra, nel corso delle quali è stato dato fuoco anche ad un veicolo agricolo. L'APM chiede alla presidentessa cilena di intraprendere finalmente passi concreti verso l'abolizione della legge anti-terrorismo e un effettivo impegno a favore di tutti i popoli indigeni del Cile.

www.gfbv.it/2c-stampa/2007/071005it.html

"Se ne autorizza la riproduzione citando la fonte."