Mapuche
| home | archivio | benetton | documentazione | contatto |

16 luglio 2009
Comunicato della CAM sull'arresto di Héctor Llaitul

Ancora una volta questo stato cileno continua ad arrestare e ad imbastire montature contro i nostri leader mapuche.

Questo pomeriggio Héctor Llaitul è stato arrestato dalle forze di polizia nella città di Osorno. Da segnalare che i media stanno dicendo che il nostro fratello sarebbe legato ai diversi attacchi incendiari contro latifondisti e forestales avvenuti negli ultimi anni, inoltre viene anche accusato per l'attacco della notte del 15 ottobre contro il procuratore Mario Elgueta.

Vogliamo sottolineare che questo nuovo attacco poliziesco-giudiziario, portato avanti dalla magistratura e dall'attuale governo cileno contro i nostri leader mapuche, le nostre comunità in conflitto e contro la CAM in particolare, risponde alla politica repressiva dello Stato cileno contro il popolo nazione mapuche. Lo Stato cileno, attraverso il governo di turno, ha espresso in maniera aperta il suo sostegno al padronato, favorendo gli investimenti capitalisti nella zona.

Così si inquadra questa montatura contro un altro dei nostri guerrieri e si dimostra che questa è una delle tante montature imbastite contro il popolo mapuche.

Vero obiettivo della politica repressiva dello Stato cileno è quello di frenare i processi di recupero territoriale e la politica portata avanti dalle comunità in lotta e dalla Coordinadora Arauco Malleco, con la pretesa di consolidare l'attacco imprenditoriale nelle zone in conflitto, che si palesa in investimenti forestali e minerari in tutto il nostro territorio mapuche.

Vogliamo anche dire alla nostra gente che vive nelle comunità che questa è una delle tante tecniche per intimidire la nostra giusta richiesta e i nostri progressi come popolo e come nazione mapuche.

Ripudiamo categoricamente la persecuzione poliziesca contro i nostri fratelli della rete d'appoggio, che ha portato a diversi arresti, perquisizioni, pedinamenti, montature, intercettazioni telefoniche e intimidazioni che vanno avanti da diversi mesi.

Rivolgiamo un appello a tutte le comunità mapuche, ai fratelli e alle sorelle coscienti a non credere a queste viziate montature poliziesche ed a continuare a resistere per la rivendicazione dei nostri diritti ancestrali e per la liberazione nazionale del nostro popolo nazione mapuche.

Per l'immediata liberazione di tutti i prigionieri politici mapuche!
Basta con la militarizzazione del territorio mapuche!
Se applicheranno la legge dei bianchi, ci sarà la giustizia mapuche!
Katrileo vive marrichiweu (dieci volte vinceremo)!

CAM

Fuori le forestale e i latifondisti dal territorio mapuche
Territorio e Autonomia per la nazione mapuche
Con Lemun e Katrileo

Weuwaiñ!!

"Se ne autorizza la riproduzione citando la fonte."