Mapuche
| home | archivio | benetton | documentazione | contatto |
Documentazione: Benetton vs Mapuche.

09 Nov 2004
BENETTON RIDA' TERRA AI MAPUCHE
2500 ettari al Nobel per la pace Esquivel. L'iniziativa come "contributo alla convivenza delle diversità dei popoli di Patagonia"

Alambrados of Benetton

Luciano Benetton metterà a disposizione dello scrittore argentino premio Nobel per la pace Pérez Esquivel 2.500 ettari di terra in Patagonia, che nei mesi scorsi aveva richiesto un gesto per i popoli indigeni della regione.
L'iniziativa di Benetton, presa in accordo con i responsabili di Compañia de Tierras Sud Argentino, società proprietaria delle terre che fa capo a Edizione Holding, è stata motivata quale "contributo alla convivenza delle diversità dei popoli di Patagonia".
Nella lettera con cui è stata comunicata la donazione al nobel argentino "come garante di riconosciuta integrità e profondo conoscitore della situazione patagonica", Benetton confida che Esquivel saprà individuare i modi d'impiego della terra più opportuni per le popolazioni indigene patagoniche.

Vita, 8 novembre

Mapuches a Roma per reclamare le terre a Benetton
Una rappresentanza della comunità di indios argentini in Italia per ''denunciare le corporation che invadono il Wallmapuche '', il territorio natio dei Mapuche

''Denunciamo ancora una volta che nonostante la costituzione ci garantisca i nostri diritti e i nostri riconoscimenti formali, lo stato ha permesso che le multinazionali entrassero e saccheggiassero i nostri territori''.
E' la voce dei Mapuches, indios argentini a cui sono state espropriate le terre.
Una rappresentanza della comunità Mapuche Tehelche ''11 Ottobre'' sarà mercoledì prossimo in Italia per ''denunciare le corporation che invadono il Wallmapuche '', il territorio natio dei Mapuche.
I rappresentanti parteciperanno al summit di premi Nobel per la pace previsto a Roma dal 10 al 12 novembre, nel corso del quale incontreranno l'imprenditore Luciano Benetton, a cui chiedono la restituzione dei loro territori.

Lo scorso maggio, un giudice di Esquel si pronunciò a favore della 'Compania de Tierras', filiale del gruppo Benetton, ordinando lo sfratto ad una coppia Mapuche, Atilio Curinanco e Rosa Rua Nahuelquir.
E' stato allo che il premio Nobel per la pace, l'argentino Adolfo Perez Esquivel, ha inviato una lettera aperta all'imprenditore italiano, con la quale chiedeva la restituzione della terrq ai nativi.
''Lei, un imprenditore di grande fama internazionale - si legge nella missiva pubblicata dal quotidiano ''Clarin''- si è avvalso del denaro e della complicità di un giudice senza scrupoli per cacciare dalla propria terra una famiglia umile di fratelli Mapuches, nella provincia di Chubut, nella Patagonia argentina''
Vita, 6 novembre

http://www.greenplanet.net/

"Se ne autorizza la riproduzione citando la fonte."